Aleurodidi (mosca bianca): riconoscerli e debellarli

Cocciniglia sulle piante: come riconoscerla e combatterla
25/06/2018
Piralide sulle piante: riconoscerla e combatterla
25/06/2018

Mosca bianca del cavolfiore (Foto 1)

Superfamiglia: Aleyrodoidea
Classe: Insetti

DESCRIZIONE: detto anche mosca bianca, questo insetto appartiene alla famiglia dell’ordine dei Rincoti. La mosca bianca rientra tra i fitomizi di maggior importanza economica a causa delle gravi infestazioni e dei conseguenti danni causati alle colture, che possono comportare anche la perdita totale dei raccolti. La mosca bianca è presente soprattutto nei luoghi caldi e umidi, per questa ragione è prevalentemente presente nelle serre, dove causa anche il maggior danno, lo sviluppo degli aleurodidi è favorito anche dalla scarsa ventilazione. Nelle regioni temperate sono particolarmente dannose alcune specie, di origine tropicale, divenute cosmopolite, o che hanno esteso più o meno largamente il loro areale originario, accomunate da notevoli similitudini morfologiche e dai danni provocati alla canapa. Prima il problema era rappresentato quasi esclusivamente da Trialeurodes vaporariorum, ma dalla seconda metà degli anni ‘80 si è stabilizzata in Europa anche la mosca bianca del tabacco, Bemisia tabaci.
Gli adulti degli Aleirodidi sono insetti di piccole dimensioni, con corpo lungo 1-3mm, di aspetto delicato e di colore giallastro.
Gli Aleurodidi si concentrano prevalentemente sull’apparato fogliare, preferendo le pagine inferiori.

COME RICONOSCE LA MOSCA BIANCA: La mosca bianca misura circa 2-3 millimetri ed è di color bianco crema, simile ad una piccola farfalla, e rappresenta uno dei parassiti delle piante più conosciuti e temuti. La pigmentazione è generalmente mascherata dalla marcata copertura polverulenta cerosa, che rende questi insetti di aspetto farinoso, da qui deriva il nomignolo di mosca bianca.
Il capo è di forma globosa, a volte con vertice leggermente pronunciato. Le antenne sono relativamente allungate e si inseriscono davanti agli occhi e leggermente più in basso.
– Trialeurodes vaporariorum: è un insetto estremamente polifago (attacca diverse specie di piante) e diffusissimo, sia in serra che all’esterno. Le femmine depongono le uova sulla pagina inferiore della foglia a gruppi di 20-30; sono disposte circolarmente e cosparse di una cera biancastra polverulenta. Il colore dell’uovo è inizialmente giallo chiaro poi, maturando, vira al verde scuro. La durata del periodo di incubazione è determinato dalla temperatura (4 giorni a 32 °C e 32 giorni a 10 °C). Condizioni ideali per lo sviluppo sono 27 °C con 75-80% di umidità relativa.
– Bemisia tabaci: è spesso confuso con Trialeurodes vaporariorum perché molto somigliante. Anche il ciclo biologico è molto simile. Le differenze più significative riguardano la biologia che conferiscono a questa specie una dannosità potenzialmente superiore. È ancora più polifago di Trialeurodes vaporariorum, ed è estremamente attivo anche a temperature elevate quindi, a differenza di altri insetti che normalmente sono presenti in serra, le alte temperature non costituiscono un fattore limitante allo svilupparsi dell’attacco. Ha una maggiore capacità di sottrarre linfa dalle foglie e depone un numero maggiore di uova vitali. Solo le basse temperature, inferiori ai 16 °C, interrompono il suo ciclo. Depone uova di un colore verde-giallastro che con la maturazione virano verso un marrone chiaro. Condizioni ottimali dello sviluppo sono una temperatura compresa tra i 33-33 °C e un’umidità relativa compresa tra i 75-80%.

CICLO BIOLOGICO E DANNI DELLA MOSCA BIANCA: i parametri ambientali sono di fondamentale importanza per prevedere il momento in cui l’attacco della mosca bianca sarà più aggressivo in modo da stabilire una razionale e mirata strategia di difesa. Risulta importante quindi conoscere il numero di generazioni, la loro fenologia (lo sviluppo dell’insetto in relazione alla caratteristiche ambientali) per stabilire le epoche e le colture di maggiore suscettibilità ed individuare, di conseguenza, le migliori opzioni per il contenimento della mosca bianca e il momento migliore per effettuare i suddetti interventi.
La mosca bianca si riproduce tramite deposizione di uova. Nelle serre spesso le generazioni si sovrappongono e la durata dell’intero ciclo dipende, come già detto, dalla temperatura e può variare da 21 giorni, con temperature di 30 °C, a 90 giorni con 10 °C.
La longevità dell’adulto varia da qualche giorno a qualche mese. Le uova misurano 0,2mm, ovali, corredate da uno stelo corto che le ancora alla foglia. Sono normalmente disposte a cerchio e le femmine depongono dalle 80 alle 300 uova, che si schiuderanno in 7-10 giorni, in base alla temperatura e all’umidità ambientale. Ne usciranno le larve che inizieranno immediatamente a succhiare la linfa dalle foglie per completare il loro ciclo di sviluppo.
Gli adulti misurano 1-3mm, di aspetto fragile e colore giallastro. La pigmentazione è, generalmente, mascherata dalla marcata copertura polverulenta cerosa che rende questi insetti di aspetto farinoso.
Scuotendo le piante infestate si alzerà una “nuvola” di mosche bianche che riempirà l’aria per qualche secondo prima che gli insetti tornino sulla pianta. Quando l’infestazione di mosca bianca è elevata, le foglie mostrano decolorazioni dovute all’attività alimentare del parassita, dotato di un apparato boccale pungente e succhiante, in grado di svuotare le cellule vegetali. Il primo sintomo è la comparsa di piccoli cerchi color verde chiaro nelle foglie, derivanti dalla “puntura” dell’insetto. La pianta danneggiata presenta clorosi (decolorazione delle foglie) e un ritardo nella crescita, una diminuzione nella produzione di fiori e un generale indebolimento della pianta, il tutto dovuto dall’abbondante sottrazione di clorofilla da parte del rincota. Nutrendosi esclusivamente di clorofilla, presto la parte aerea della pianta sarà imbratta dagli escrementi zuccherini liquidi dell’insetto, che costituiranno il substrato ideale di crescita di funghi epifitici quali la fumaggine. Questa, sviluppandosi appunto sulla superficie fogliare, impedisce la fotosintesi interferendo ulteriormente col bilancio energetico della coltura. Inoltre, gli aleurodidi, risultano essere vettori di importanti virosi, compreso il virus della striscia di canapa.

LOTTA E CONTROLLO DELLA MOSCA BIANCA: le buone pratiche agronomiche non vanno mai trascurate, sia che si tratti di lotta convenzionale o integrata, come la scelta della cultivar più adatta, in quanto esistono varietà che mostrano una maggiore suscettibilità a determinati fitofagi. È buona norma inoltre disinfettare gli ambienti a ogni cambio coltura, l’uso di riflettenti argentati che disorientano e infastidiscono le mosche bianche con i riflessi casuali e la consociazione con basilico, garofani cinesi, calendula o tabacco ornamentale che allontanano questi insetti.
Il monitoraggio mediante trappole cromotropiche collose gialle, permette di effettuare periodicamente il conteggio degli adulti, in modo tale da avere un’indicazione dell’andamento dell’infestazione e per valutare le dinamiche della popolazione.
La lotta biologica prevede l’utilizzo di imenotteri parassitoidi della famiglia delle Aphelinidae. Encarsia formosa è un parassitoide di aleurodidi utilizzato da decenni per il controllo della mosca bianca nelle colture orticole e ornamentali. Le femmine di mosca bianca depongono le uova all’interno nel pupario degli aleurodidi che nel giro di 1-2 settimana assumono il caratteristico colore scuro, indicatore che la parassitizzazione ha avuto esito positivo.
Ottimi risultati con il metodo di lotta biologica si sono ottenuti tramite l’utilizzo di coccinellidi predatori come Clithostetus arcuatus e Cryptolaemus montrouzieri

PRODOTTI CONSIGLIATI:


Ecovit insetticida pronto all’uso (piretro) : a base di Piretro naturale per piante ornamentali e fiori da balcone, appartamento e giardino domestico.
Caratteristiche: protegge le piante fiorite (come Rosa, Azalea, Begonia, Geranio, Ortensia, Oleandro), le piante verdi da appartamento (come Ficus, Dracaena, Filodendro, Felce) e le piante ornamentali in genere, dall’azione dannosa di insetti come Afidi, Aleurodidi, Tentredini, Tripidi, Tingidi, ragnetti rossi, Coleotteri e Lepidotteri defogliatori e larve di Ifantria.
Somministrazione: agitare bene prima dell’uso e irrorare la pianta da una distanza di 40-50 cm bagnando in modo uniforme tutta la superficie, compresa la pagina inferiore delle foglie. Trattare al manifestarsi delle infestazioni e, se occorre, ripetere l’operazione 8-10 giorni dopo il primo trattamento.

https://mygrass.it/shop/1321-tm_large_default/vithal-polysect-insetticida.jpg
Vithal Polysect insetticida: è un insetticida sistemico pronto all’uso per le piante ornamentali di casa e giardino, da fiore o verdi. Parassiti controllati: Afidi, cocciniglie, mosche bianche, tripidi, acari, lepidotteri, cicadellidi e altri parassiti delle piante ornamentali.
Somministrazione: prodotto in spray già pronto all’uso.


https://mygrass.it/shop/1555-tm_large_default/vithal-bastinsect.jpg
Vithal Bastinsect
: è un insetticida sistemico di lunga durata (fino a 3 mesi) per il controllo dei più comuni insetti che attaccano le piante ornamentali di casa e giardino, comodamente disponibili in bastoncini pronti all’uso. Grazie alla nuova formulazione con elementi nutritivi, Bastinsect nutre e rinforza le piante, inoltre può essere utilizzato per combattere i parassiti delle idrocolture.
Parassiti controllati: afidi, psille,mosca bianca, coccidi, tisanotteri, cicaline, nonché cocciniglie farinose e cotonose.
Colture autorizzate: piante floreali ed ornamentali da appartamento, balcone e giardino domestico
Somministrazione: vasi: 1-2 bastoncini per ogni litro di terriccio.
Idrocolture: 0,5-1 per ogni litro substrato. Max 3 applicazioni l’anno. Leggere l’etichetta prodotto per maggiori dettagli.

https://mygrass.it/shop/1327-tm_large_default/flortis-olio-di-soia.jpg
Flortis Olio di Soia
: è un olio vegetale ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di Glycine soja che, grazie alle proprietà antitraspiranti, aiuta a migliorare e potenziare le difese naturali delle piante in presenza di insetti.
La sua applicazione è utile anche come azione protettiva per mantenere il corretto equilibrio idrico in caso di forti escursioni termiche, venti forti o troppo caldi. Può essere impiegato anche in miscela con prodotti rameici e può essere applicato in frutticoltura, orticoltura e giardinaggio in ogni momento del ciclo produttivo.
Somministrazione: prodotto in spray già pronto all’uso.

https://mygrass.it/shop/1337-tm_large_default/agrobacterias-protect-killer.jpg
Agrobacterias Protect Killer
: agisce come fitofortificante ed insetticida grazie alle sue proprietà nutrizionali e agli specifici enzimi attivatori del metabolismo vegetale.
Biodegradabile, si consiglia l’apllicazione nei momenti di bassa insolazione. Non miscelare con prodotti alcalini e a base di zolfo.
Composizione: estratto di Neem  80%, estratto di limone 20%.
Azione contro: Tripidi, Afidi, mosche bianche, cocciniglia, nematodi, acari, ecc.
Somministrazione: applicazione per via fogliare, 1 ml per 1 litro di acqua, ripetendo dopo una settimana per rafforzare l’effetto.

https://mygrass.it/shop/1340-tm_large_default/agrobacterias-total-explosion.jpg
Agrobacterias Total Explosion
: è un adiuvante ecologico e bio-stimolatore composto da amminoacidi e sali di Potassio. Svolge un’azione di pulizia eliminando i residui lasciati dall’attività degli insetti e stimola lo sviluppo fogliare della pianta. Ammorbidisce il carapace degli insetti rendendoli più vulnerabili.
Somministrazione: nebulizzare Total Explosion su entrambi i lati delle foglie: 2-3 ml per Litro di acqua. Ripetere l’applicazione dopo 7-10 giorni per aumentare l’efficacia.

https://mygrass.it/shop/1341-tm_large_default/aptus-dislike.jpg
Aptus Dislike
: previene problemi di infestazioni da insetti volanti, striscianti e succhianti che si annidano sulla pianta o intorno ad essa. Il suo uso preventivo, previene problemi di infestazioni da acari, tripidi e afidi.
Aptus Dislike contiene una miscela brevettata di oli essenziali che tiene lontani gli insetti. Prodotto completamente organico.
Somministrazione: diluire da 4 a 8 ml di prodotto per ogni Litro di acqua e somministrare via spray ogni 7 giorni.

https://mygrass.it/shop/1345-tm_large_default/biobizz-leaf-coat.jpg
Biobizz Leaf Coat
: è un prodotto pronto all’uso pensato per trattenere l’evaporazione ed è realizzato tramite un lattice naturale. Spruzzato sulle talee prodotte rallenta l’evapotraspirazione facilitandone la radicazione.
Biobizz Leaf Coat rinforza le piante e le dota di un effetto repellente contro gli insetti nocivi. Previene la formazione di funghi nocivi sulle foglie.
Somministrazione: prodotto in spray già pronto all’uso.

https://mygrass.it/shop/1358-tm_large_default/cannacure-spray.jpg
Cannacure Spray
: è uno stimolatore della crescita che ha la particolarità di combattere anche i parassiti delle piante rispettando l’ambiente.
Utilizzando Cannacure la pianta può concentrarsi sulla produzione di fiori più grandi e offrire una resa migliore durante l’intera fase colturale fino al raccolto.
L’utilizzo preventivo di Canna Cannacure Spray una volta a settimana fa in modo che i parassiti, morendo, non possano entrare a contatto con le foglie, in quanto restano incollati alle foglie.
Per piante già pesantemente attaccate (ad esempio dalla mosca bianca, dal ragno rosso dei fruttiferi, dalla cocciniglia cotonosa o dagli afidi) è ottimo per eliminare i parassiti.
Somministrazione: confezione spray già pronta per l’uso, somministrare almeno una volta a settimana fino a fine raccolto.

https://mygrass.it/shop/269-tm_large_default/micro-kill.jpg
Micro Kill
: è un prodotto biologico protettivo a base di acidi lattici organici che rinforza le difese naturali della pianta e uccide i batteri e le muffe.
Plagron Micro Kill rende impossibile la vita di altri microbi sulle foglie e di conseguenza previene le infezioni provenienti da agenti esterni.
Somministrazione: diluire (MAX) 250 ml di prodotto per litro d’acqua e somministrare alle piante ogni due giorni, escluse le due settimane prima del raccolto.

https://mygrass.it/shop/1333-tm_thickbox_default/bioki-olio-di-neem.jpg
Bioki Olio di Neem
: viene assorbito rapidamente dalla pianta ed avendo spiccate proprietà antisettiche ed insettifughe migliora lo stato salutare generale. Svolge inoltre un’azione repellente verso insetti succhiatori e crittogame quali oidio, ticchiolatura o ruggine. L’olio di Neem Bioki ha spiccate proprietà antisettiche ed insettifughe, indicato in presenza di afidi in genere, afide grigio del melo, tignola dell’olivo, della vite, degli agrumi, tripidi, aleurodidi, dorifora della patata.
L’olio di neem viene ottenuto dalla spremitura meccanica dei frutti dell’omonima pianta. Essendo ricco di acidi grassi aromatici essenziali è adatto per trattamenti preventivi e rivitalizzanti in presenza di numerosi parassitosi.
Per la totale atossicità del prodotto, viene utilizzato anche nella preparazione di creme e saponi per uso umano e zootecnico.
Somministrazione:
Per via fogliare, diluire 3-4 ml di olio per litro di acqua e ripetere gli interventi ogni 8-12 giorni.
Fertirrigazione: 1-1,5 ml ogni litro di acqua, effettuando 2-3 interventi durante l’arco vegetativo.
Spruzzato sulle foglie le rinvigorisce e le protegge, mentre spruzzato nel terreno riequilibria la microflora e aumenta i lombrichi.

https://mygrass.it/shop/2782-tm_thickbox_default/tec-fort.jpg
Tec-Fort
: è un prodotto fitosanitario per uso domestico adatto come insetticida per piante da esterno o ornamentali contro formiche, insetti e afidi.
Somministrazione: uso fogliare con applicazione spray (1-2 ml/L).
Si consiglia di utilizzarlo in ore di scarsa luminosità (al crepuscolo o all’alba) e con temperature dell’aria comprese tra 5 e 30° C. Ripetere il trattamento ad intervalli di 7-10 giorni (a seconda delle necessità). Agisce per contatto, bagnare l’intera superficie della pianta. Lasciare trascorrere tre giorni tra il trattamento e la raccolta nel caso di piante da orto ad uso alimentare.

https://mygrass.it/shop/2783-tm_thickbox_default/bio-6000-piretrin-plus.jpg
Bio 6000 Piretrin Plus
: è un insetticida non sistemico a base di piretro che agisce per ingestione e contatto da utilizzare solo in presenza di infestazioni.
Somministrazione: applicare BIO 6000 Piretrin Plus durante la normale irrorazione, dose minima 4 ml per litro, dose massima 6 ml per litro.

https://mygrass.it/shop/1332-tm_large_default/kollant-trappole-adesive-gialle-mosca-bianca.jpg
Kollant Trappole adesive GIALLE
: trappola adesiva cromotropica per la cattura della mosca bianca: non contiene sostanze tossiche, non inquina, resiste all’ umidità e alle intemperie.
Utilizzo: da utilizzare in pre-fioritura, disponendo 10-12 trappole ogni 100 mq.

https://mygrass.it/shop/3121-tm_thickbox_default/trappole-adesive-gialle-afidi-insetti-volanti.jpg
Flortis Trappole adesive GIALLE
: per la cattura degli insetti, inodori, atossiche, non essicano nel tempo, attirano e catturano insetti come mosche della frutta e afidi. Utilizzabili in agricoltura biologica.
Utilizzo: staccare i fogli protettivi dalle 2 facce adesive della placca. Con l’aiuto dei lacci forniti, sospendere le trappole sugli alberi rispettando una distanza di almeno 2 metri tra una placca e l’altra. In caso di contatto, utlizzare olio vegetale per rimuovere la colla. Disporre 10-12 trappole ogni 100 mq. Confezione da 5pz.

Rhino Skin (Silicato di potassio): potente silicato di potassio di Advanced Nutrients, Rhino Skin protegge e rinforza la parete cellulare delle vostre piante rendendole resistenti agli stress ambientali (troppo calore, clima secco) e agli attacchi parassitari.
Somministrazione: diluire 2 ml di prodotto per litro di acqua e utilizzare dalla prima alla sesta settimana di fioritura.

Mineral Magic: GHE Mineral Magic è un importante additivo contenente silicati e materie organiche biologicamente trasformate, con aggiunta di argilla a base di acido silicico naturale.
– Fornisce una forma solubile naturalmente acida di silicato che che penetra nelle cellule della pianta e forma uno scudo resistente contro malattie e infestazioni di insetti.
– I colloidi naturali di MM migliorano la capacità di scambio cationico delle soluzioni nutritive.
-Stabilizza il PH e l’ EC
-Previene le muffe
Somministrazione: in polvere
1) Attorno agli steli, spargere 1 cucchiaino attorno a ogni pianta. Per prevenire la colatura nelle piante da trapianto e nelle talee e le infestazioni di funghi sulle piante più vecchie.
2) Sotto i vaporizzatori, spargere 5/10g (1-2cucchiai) Come supplemento minerale e agente preventivo contro pythium e fusarium
Somministrazione: liquido
Come spray fogliare su entrambi i lati delle foglie: in 20L di acqua versare 1kg di Mineral Magic.
Lasciare riposare per 3 giorni mescolando di tanto in tanto. Filtrare.
ATTENZIONE: Nella coltivazione idroponica, MM e micro-organismi NON vanno usati assieme (Trichoderma harzianum).
Minimo garantito all’analisi: Silicato 84%, Carbonati 16%, Ferro 2,4%, Magnesio 1,8%, Zolfo 0,15%

GHE Organics Urtica: GHE Organics Urtica è un concime liquido di ortiche attentamente selezionate, semplicemente fermentate in acqua. Quest’acqua diviene ricca di elementi nutritivi e protettori.
L’ortica è una pianta eccezionalmente ricca di silicio e ferro, è ricca anche di nitrato, potassio, magnesio, micro-elementi, tracce di elementi e di enzimi.
Come il “kelp”, il concime liquido di ortica stimola il sistema immunitario delle piante, rendendole più resistenti agli attacchi degli insetti e delle malattie.
La resistenza è dovuta anche al fatto che la pianta riceve contemporaneamente un nutrimento equilibrato.
Somministrazione: diluire 50 ml di prodotto per litro di acqua (idroponica e terra) o 20 ml per litro di acqua se utilizzato in polverizzazione fogliare.

Top Crop Barrier: Top Crop Barrier migliora l’assorbimento e il trasporto di sostanze nutritive attraverso la pianta, rafforza le pareti delle cellule, rendendo le piante più resistenti ai parassiti come insetti e acari o ai funghi.
Top Crop Barrier aumenta i livelli di clorofilla, favorendo la fotosintesi. Contribuisce ad un maggiore sviluppo delle piante e all’assorbimento di CO2 dall’ambiente, oltre a potenziare i processi metabolici per un maggior rendimento. Inoltre il supplemento di potassio favorisce il processo di fioritura.
L’alta basicità di Top Crop Barrier, grazie al silicio, lo rende utile per incrementare il pH delle soluzioni nutritive idroponiche.
Somministrazione: diluire 0,5 ml per litro di acqua e versare intorno alle radici una volta a settimana. Per uso fogliare, diluire 0,25 ml per litro di acqua calda e spruzzare sulle foglie alla fine del ciclo di luce. Ripetere una volta a settimana per prevenire i parassiti.


Silicato di Sodio: Il silicato di Sodio, o gel di Silice, forma una pellicola di consistenza vetrosa sulla cuticola degli organi aerei delle piante ostacolando l’attività di insetti, acari e di parassiti di natura fungina o patogeni in genere. Riduce la traspirazione, riduce gli spacchi sui frutti per squilibri idrici.
Somministrazione: il silicato di sodio viene impiegato in fase di riposo vegetativo alla dose di 3 kg/ 100 litri di acqua e di 1,5 kg/100 litri di acqua durante l’attività vegetativa.
Nei periodi molto caldi, dimezzare il dosaggio.

B’Cuzz Silic Boost: B’cuzz Silic Boost di Atami è uno stimolante contenente silicio ad effetto rafforzativo per rendere le piante più resistenti agli stress ambientali come temperatura, disidratazione e trampianti.
Somministrazione: 0,1 ml per Litro di acqua, da usare giornalmente a partire dalla fase di crescita, aggiungendo la soluzione nutritiva fino alla fase di fioritura.
Utilizzabile anche con i sistemi di irrigazione o come spray fogliare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiama Ora
Whatsapp
Email